Virgin Galactic, il primo viaggio turistico nello spazio

Richard Branson e la sua Virgin Galactic celebrano il lancio dei primi turisti spaziali.

Virgin Galactic ha portato con successo i suoi primi passeggeri nello spazio, incluso il suo fondatore miliardario Richard Branson. L’evento, allo Spaceport America nel New Mexico, è stata una giornata campale per la stampa e i dipendenti, con tanto di set mattutino di Khalid e passeggiata da eroe di Branson e della troupe.

“Immaginate un mondo in cui persone di tutte le età, di tutte le provenienze, da qualsiasi luogo, di qualsiasi genere, di qualsiasi etnia, abbiano uguale accesso allo spazio”, ha detto Branson al suo ritorno. “Benvenuti all’alba di una nuova era spaziale!”

L’osservazione è un po’ prematura, ovviamente: quel mondo è ancora a una certa distanza, ma è vero che questo volo segna un momento storico nella nascente industria del turismo spaziale. Al momento, i “leisurenaut” sono ancora una classe d’élite, ma gli eventi del giorno suggeriscono che siamo più vicini che mai a vedere questo cambiamento.

Dopo una giornata iniziata incredibilmente presto (le navette per lo spazioporto partite alle 2:45 dalla vicina Las Cruces), il lancio è invece avvenuto con un po’ di ritardo. Un temporale durante la notte ha impedito al team di lanciare la navicella spaziale, che credeteci o no, non può bagnarsi. Alle velocità e alle temperature coinvolte nulla può essere lasciato al caso, come il ghiaccio che si forma dall’acqua all’interno o sul telaio.

Eve si è alzata alle 8:40, iniziando la sua salita a circa 36.000 piedi. Unity si è staccata e ha iniziato la sua salita a razzo verso le 9:24 raggiungendo Mach 3, e dopo due minuti ha quindi raggiunto la sua altitudine massima di circa 282.000 piedi.

 

CONDIVIDI IL POST

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email