Via Fura, 48

Brescia

030.3534392

Ufficio

335.6815560

Commerciale

Chi erano i Paninari, gli hypebeast degli anni ’80

Torniamo indietro agli anni ’80. La nazione, imbambolata davanti alla televisione, è in preda a edonismo sfrenato e grande voglia di disimpegno. Al cinema Tom Cruise pilota aerei e Michael J. Fox viaggia nel futuro. I nostri fratelli sognano di emulare Mark Landers e le nostre sorelle si vestono come Madonna in Cercasi Susan disperatamente con tanto di pizzi e orecchini a croce, mentre di noi giochiamo con la villa di Barbie e le Crystal Ball. Contemporaneamente a Milano, davanti “Al Panino” di Via Agnello si raduna una folla di ragazzi delle medie e del liceo, abbronzati e uniti da consumismo, vanità, gusto per gli eccessi e, soprattutto, un rigido codice di abbigliamento.

Alla fine degli Anni 70  il centro di Milano era impraticabile, in piazza San Babila stavano quelli di destra, in piazza Santo Stefano quelli di sinistra e anche solo sbagliare un capo d’abbigliamento poteva essere pericoloso. Appena si allentò un po’ la tensione, i ragazzi cominciarono a creare nuovi punti d’incontro: accadde così che al bar Al Panino, in piazzetta Liberty, il sabato pomeriggio si ritrovassero i figli della buona borghesia cittadina, che magari si erano conosciuti a Courmayeur o a Madonna di Campiglio, a Santa Margherita o a Forte dei Marmi. Tutti con il mito dell’America e con pochissimo interesse per la politica, questi erano i Paninari.

CONDIVIDI IL POST

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email